Di Sibi il 26 maggio 2017 0 Commenti

 

Nel paddock una struttura gonfiabile che fungeva da discoteca. Poi tanti amici e fans giunti dalla vicinissima Svizzera per una festa che ha trovato il suo culmine al termine di gara 2 quando è arrivata la vittoria. Stefano Comini ha portato a Monza tutta la sua filosofia di vivere e intendere il motorsport. Cosa che i fans hanno gradito. “Ci tenevo tantissimo – ha detto il ticinese – io sono qui per i miei amici e per i fans. Voglio farli divertire, voglio che attraverso me vedano il motorsport come un momento di divertimento. Un modo diverso di vivere il paddock. Oggi sono venuti in tanti e voglio ringraziarli tutti per il sostegno e l’affetto. Ovviamente un pensiero va a mia mamma visto che è la sua festa. Penso di averle fatto dei bei auguri dal podio”.

Passando alla corsa Comini ha ritrovato un po’ di quella serenità che ieri aveva perso. “Non mi è piaciuta la prima gara. Valente mi ha toccato ed ha continuato ad accelerare per farmi girare. Una manovra subdola che non è stata punita. Oggi sapevo che l’unico modo per non avere problemi con i freni era quello di …andare in testa. Così ho fatto e l’aria fresca mi ha permesso di preservare i freni un po’ di più. Alla fine ero comunque in difficoltà perché con 75 Kg di zavorra i freni vanno in sofferenza, ma mi sono divertito. Con Roberto il duello è stato leale e l’aver vinto è stato davvero incredibile. Sono felicissimo, non me lo aspettavo alla vigilia”.

Italiaracing – Dario Sala

Categorie: Archivio, Gare, News
  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Youtube