Di admin il 21 maggio 2013 0 Commenti

Grande entusiasmo per il pilota ticinese ed il Team Target Competition, che portano a casa la prima vittoria della stagione di Clio Cup Bohemia 2013.

Di seguito un breve riassunto del week-end.

La sessione di prove libere si presenta particolarmente impegnativa: sia Stefano che il Team non conoscono il circuito e  devono trovare , in un tempo davvero limitato, un set-up performante per la vettura.

Durante i 30 minuti della sessione di qualifiche, Comini sembra aver segnato il crono che gli permetterà l’ accesso alla pole (2:26,714); purtroppo sul finale viene polverizzato da Pekar (2:26,613). Stefano non si lascia intimidire e tenta il rientro per abbassare ulteriormente il suo crono, ma la mancanza di un solo giro alla fine delle qualifiche e l’ usura delle gomme non gli permettono di conquistare la prima posizione per la griglia di partenza.

I semafori di gara 1 si spengono sabato alle 17:15 di fronte al grande pubblico accorso per l’ appuntamento del Campionato Mondiale Turismo (WTCC).  Stefano è cosciente di dover condurre una gara “in difesa”: scatta subito superando Pekar  e continua ogni giro a difendere la posizione conquistata dando origine ad una straordinaria battaglia che si conclude passando per primo sotto la bandiera a scacchi ed osservando il panorama dello Slovakia Ring dal gradino più alto del podio.

“È stata una gara davvero difficile, soprattutto dal punto di vista psicologico: avvertivo molta pressione, gli altri piloti giravano un secondo più veloci di me.” Queste sono state le parole di Stefano.

Griglia invertita per gara 2: “Si è rivelata ancora più difficile: partendo dalla 7° posizione, ho dovuto cercare di portare subito in temperatura le gomme per poter effettuare il maggior numero di sorpassi. Ho subito un contatto durante il primo giro,che ha danneggiato l’ asse posteriore, rendendo impossibile la gestione della vettura. Ho comunque continuato la gara, difendendo la mia posizione, ma gli altri piloti si sono rivelati molto aggressivi e sono stato poi tamponato ulteriormente finendo in sabbia e terminando la gara al penultimo giro.

Stefano si è detto parecchio amareggiato dell’ atteggiamento di alcuni piloti. Inoltre ha sottolineato l’ importanza di trovare set-up adeguati ad ogni pista, al fine di essere competitivi. Tuttavia ha apprezzato molto la disponibilità del team e l’ interesse mostrato per cercare di migliorare il più possibile la  vettura.

Il prossimo appuntamento tra 3 week-end, sarà sullo storico asfalto del Nürburgring – Nordschleife: una gara sicuramente entusiasmante visto le particolarissime caratteristiche del tracciato tedesco….insomma  da non perdere!!!

 

Categorie: Gare, News
  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Youtube