Di admin il 26 dicembre 2010 0 Commenti

Gennaio 2010:

Anno nuovo, stagione nuova e per finire vita nuova, infatti come annunciato poche settimane fa il pilota diciannovenne Stefano Comini ha optato per le ruote coperte, dove ha già iniziato alla grande un 2010 pieno di speranze.

Comini in squadra con il zurighese Fredy Bart ha concluso  la rinomata 24 ore di Dubai.

Trasferta non priva di problemi per il team svizzero Swiss Gentle Racing, l’ Aston Martin Vintage v8 dopo solamente 40 minuti di gara ha accusato dei problemi alla trasmissione, costringendo Comini e Bart ad un arresto temporaneo.

Causa dello stop fu la rottura del cardano che miracolosamente venne riparato dai meccanici in un tempo record di 9 ore, quando normalmente un’ operazione del genere su una vettura di questo tipo necessita un minimo di 12 ore.

Comini ripartito a mezzanotte affronta ben due stint da un’ ora e mezza nel buio della notte per poi lasciare il volante a Bart.

Alle ore 12 di sabato Comini riprende il volante e conclude 54° la sua prima 24 ore a soli 19 anni.

Ecco le sue parole dopo la gara:”Il risultato non è il massimo, ma il solo fatto di essere arrivati alla fine mi riempie di gioia.
Dopo tutto quello che c’è successo, essere passati sulla linea del traguardo dopo 24 ore di gara è una sensazione straordinaria, e ripaga tutti gli sforzi che la squadra a fatto per darci la possibilità di affrontare le ultime 14 ore con un’ auto performante.
Per me è stata un’ esperienza nuova, ero abituato a dare il 110% mio e della macchina in 30 minuti di gara, ho dovuto adattare il mio stile di guida all’ Aston, che pesa quasi una tonnellata in più delle vetture a ruote scoperte che ho guidato gli ultimi 5 anni.
Peccato per la rottura dell’asse di trasmissione  quando occupavamo la 28° posizione generale e il secondo posto nella classe GT4. La seconda posizione in qualifica faceva ben sperare, avevamo un ottimo passo di gara e nel cambio piloti eravamo velocissimi.
Si sa, questo è il Motorsport, a volte si vince e a volte si perde.
L’ importante e non perdere la speranza.”

Comini ha dimostrato di possedere tutti i giusti requisiti per questo genere di gara: conservativo, veloce e concentrato il nostro pilota malcantonese è pronto ad affrontare una stagione 2010 nel panorama dell’automobilismo internazionale.

Il prossimo appuntamento avrà luogo il 27 marzo sulla Nordschleife.

Categorie: Archivio, Gare, slide
  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Youtube